A new bad sensation

newWhite

Sai quando torni a casa con una brutta sensazione addosso e ti chiedi se hai fatto tutto affinché la serata andasse bene e se ti sei dato abbastanza anche se c’erano pochi amici ad ascoltarti?
Bene caro amico che mi stai leggendo, mi sento proprio così.
Il mestiere del musicante è cosa tosta, ma del resto anche tutti gli altri mestieri sono molto tosti. La fregatura di te che fai musica e arte in genere, è che nelle cose che crei ci metti te stesso, ci metti l’anima, ci metti il cuore, e non vorrei essere troppo neomelodico, ti giochi il culo ogni santa volta.

Lo scenario è sempre uguale: sei chiuso in casa e scrivi della musica, sei ispirato, ti sembra di aver cambiato il mondo, almeno il tuo, in quei momenti. Pensi di aver fatto qualcosa per cui si dirà che hai lasciato traccia su questa Terra bruciata. Porti questa idea in sala prove e trovi delle anime gentili che rispettano quell’idea e provano a renderla più bella, la arricchiscono della loro esperienza e con le loro mani le danno la forma che avevi immaginato. Sei li che li ringrazi dentro di te per averti rispettato. Poi con lo stesso rispetto e senza far rumore porti quell’idea in giro e la fai ascoltare anche a chi non è per niente abituato ad ascoltare cose nuove, tanto è bombardato dalle radio e  dai produttori smaniosi di farti salire sul cazzo la cantante di turno che seppur bravissima, non sopporti più a sentirle dire “somewhere over the rainbow”. E anche quella persona che in quel momento si è dovuta impegnare ad ascoltarti e ti fa il piacere, il favore, di restare in silenzio 3 minuti, bene, anche quella ti rispetta. Poi arriva il momento di essere pagati dal promoter della serata. Ed è esattamente qui che tutto il giocattolo si rompe.
Si rompe perché vieni accusato di non aver portato gente e che quasi quasi sta andando in bancarotta per colpa tua, e che non sei nessuno ecco perché non è venuto nessuno a sentirti (perché cazzo mi hai chiamato?) ed ecco perché non ti ha fatto nemmeno mangiare, ne ti ha chiesto se avevi fame. Ecco perché ti spiattella che un vuoto del genere in quel locale non l’ha mai visto (menti sapendo di mentire?) anche se la settimana prima ha fatto la stessa scenetta con altri pochi malcapitati (Che colpa abbiamo noi se a Salerno ci conosciamo tutti). Ecco perché ti spiattella la sua professionalità e competenza nel campo musicale, perché tu non sei nessuno ed il promoter invece collabora con i grandi della musica italiana (ammesso che esista la musica italiana). Ecco perché poi all’improvviso finge di disinteressarsi a te cercando di sembrare superiore e che poiché non sei nessuno non meriti nemmeno di essere salutato come si deve. Ecco perché per promuovere la serata definisce la tua musica meravigliosa su facebook e se chiedi se la tua musica è di suo gradimento ti risponde che fai una musica particolare che non piace a tutti (ma non era meravigliosa fino a poche ore fa?). Ecco perché non sei nessuno. Non sei nessuno perché nessuno ha detto che sei qualcuno. Ecco perché non ha nemmeno il coraggio di fermarti mentre stai suonando, ma manda qualcuno al posto suo, perché “E’ umiliante suonare davanti a poche persone” (forse per te lo è, per me è un onore anche se c’è solo una persona). E’ umiliante per chi deve venire a fermarti mentre stai facendo il tuo spettacolo. Ecco perché non sei nessuno Max Maffia, ecco perché.

Ma io so di essere qualcosa (una piccolissima cosa) e lo leggo negli occhi di chi suona con me e di chi mi viene a sentire. E sono quegli occhi che rispetto e rispetterò per sempre. Sono gli occhi di chi si siede accanto e mi dice ridendo “che serata di merda, ma i pezzi so belli!”. Sono gli occhi di chi ti dice “che ci facciamo qui?” e ride sapendo che anche se il contesto non ti appartiene quella sera sarà da ricordare perché in quella sera nonostante tutto ha dato tutto/a se stesso/stessa. Le “poche persone” che sono “difronte” a te sono li “per” te e per nessun altro. Le persone che vanno in un posto per ascoltare qualcuno, hanno come minimo fatto delle telefonate per organizzarsi, hanno fatto una doccia veloce ed hanno preso la macchina per venire a vedere il concerto. Se mi stoppi mentre sto suonando manchi di rispetto a loro oltre che a me.

Comunque sia grazie amici per essere venuti ieri sera al new White sensation, grazie a Bernardo (il gestore) per la chiacchierata a fine serata (confrontarsi serve a crescere), grazie a Laura Sbordone ed alla sua scuola di DANZA che ha “partorito” il giovanissimo “Balletto Artenikè” che ha accompagnato la nostra “In volo” (ragazze siete state brave, e state a sentire a Laura e nun a facite ncazzà!) , Grazie a Gigi Cerone ed alla sua compagna, attendiamo con ansia la pubblicazione dell’intervista su salernoinprima.it (grazie per il graditissimo confronto culturale e musicale Gigi, davvero), grazie ad Andrea Bloise e Annamaria Conte per essere venuti (la presenza di artisti come voi intorno a noi rende la musica più bella), ad Alfredo ed Antonio, al mitico cantante dei Bidons (grazie grazie grazie!), grazie agli amici ritrovati (Sergio Miranda ed alla tua stratoblues ritrovata, Pierluigi e Peppe) grazie a tutti per aver partecipato, eravate pochi? che fa? La prossima volta forse saremo di più e forse saremo di meno. Ed in fondo grazie anche a te promoter per averci provato e per averci invitati a questa festa, la serata è andata male, e questo me ne dispiace, ma smettiamola di giudicare le serate in base a quanta gente viene altrimenti i concerti di gigi d’alessio, come quelli di britney spears, sarebbero considerati il sintomo di una rivoluzione culturale.

Noi siamo qui per voi.

Aggiornamento: nel frattempo è uscito  questo articolo su salernoinprima.it a cura di Gigi Cerone

 

 

Con grande piacere ritorniamo al Rodaviva di Cava de'Tirreni Sabato 14 Maggio 2016 (h 22.00)
...la felicità se non un affare molto complesso fatto di cose semplici? Nel nostro disco
..che vanno ricordate. La prima quella di Cristina Pastore sul Gazzettino di Salerno che potete